Home > Attività > Terremoto ad Haiti, raccolta fondi per l’emergenza sanitaria

Terremoto ad Haiti, raccolta fondi per l’emergenza sanitaria


Nella giornata di ieri un forte terremoto ha colpito la capitale di Haiti Port au Prince, la città è stata duramente danneggiata, tra le altre cose sono segnalati come crollati tre dei quattro ospedali, il Palazzo Presidenziale, tre ministeri, alcuni alberghi e la sede della missione ONU. Non si hanno ancora stime delle vittime, ma si parla di migliaia. Ancora nessun organo di stampa ha riportato notizie rispetto alle vaste baraccopoli o ai danni in altre parti del paese.

I partner di ColorEsperanza ci hanno comunicato che la scossa è stata anche avvertita in maniera pesante a Santiago de los Caballeros, a diverse centinaia di chilometri dall’epicentro, dove però non sono segnalati danni.

Nei prossimi giorni si assisterà ad un’emergenza sanitaria e alla necessità di fondi per fornire al maggior numero di persone le cure necessarie. Attualmente Haiti non è in grado di soddisfare che una piccola parte dei feriti. Ci aspettiamo che molte delle persone bisognose si recheranno nella zona di frontiera con la Repubblica Dominicana.

ColorEsperanza ha lanciato una campagna di raccolta fondi per poter sostenere le realtà che accoglieranno le persone in difficoltà.

Per chi volesse partecipare si può effettuare un bonifico sul conto dell’associazione con causale: “Emergenza terremoto”.

BCC Cernusco sul Naviglio – filiale piazza Ghezzi
intestato a Associazione ColorEsperanza
IT 72 I 08214 32881 000000045411

I fondi raccolti verranno trasferiti al 100% ai partner in loco, enti piccoli e conosciuti personalmente dai volontari di ColorEsperanza.

Annunci
  1. 15 gennaio 2010 alle 01:20

    Da fonti dirette della nostra associazione ColorEsperanza (che sta raccogliendo fondi) sappiamo che:
    – per le strade di Port au Prince è un continuo canto. Gli haitiani cantano per accompagnare i morti nel loro ultimo viaggio.
    – ad Haina, una città dominicana a forte presenza haitiana la tensione è altissima. Tutti hanno parenti ad Haiti e nessuno ha notizie. La madre di una nostra conoscente ha tentato ieri di partire per Haiti, è stata bloccata, ma è partita oggi. In Repubblica Dominicana vi sono volontari partiti verso il paese vicino, la condizione però che devono soddisfare è quella di portarsi dietro tutto il necessario per sopravvivere, acqua compresa perchè ad Haiti c’è una grande scarsità.

  2. Paolo
    17 gennaio 2010 alle 14:31

    Oggi domenica 17 gennaio ci sarà un banchetto di Coloresperanza per la raccolta fondi pro-haiti a Besozzo (VA), in occasione della tradizionale festa di S. Antonio

  1. 15 gennaio 2010 alle 17:53
  2. 15 gennaio 2010 alle 18:22
  3. 16 gennaio 2010 alle 03:47
  4. 25 gennaio 2010 alle 11:27
  5. 25 gennaio 2010 alle 12:34

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: