Home > Attività > Gli interventi che sosterremo in Repubblica Dominicana dopo il terremoto di Haiti

Gli interventi che sosterremo in Repubblica Dominicana dopo il terremoto di Haiti


Le notizie che giungono da Haiti non migliorano con il passare dei giorni. Dal terremoto di martedì scorso i nostri amici dominicani ci rimandano sempre una profonda angoscia. Diverse delle persone con cui collaboriamo da anni stanno coordinando la raccolta di beni di primissima necessità da mandare nel paese vicino, sono praticamente introvabili al telefono, lavorano 20 ore al giorno. Noi tutti vorremmo poterci unire al loro sforzo, in questo momento terribile.

I giornali italiani non hanno ancora riportato cosa sta succedendo in Repubblica Dominicana: la solidarietà è stata incredibile, la gente invia cibo, medicine e tende alla rete di ONG locali che sta coordinando l’invio ad Haiti. Anche lo stato dominicano ha reagito con prontezza. Quello che però ci preoccupa sono i sentimenti delle persone, tutti dicono: “poteva succedere a noi”. Soli 40 km dividono Port – au -Prince dalla frontiera con la Repubblica Dominicana. La gente ha paura, per quello che sarebbe potuto essere (oggi in RD c’è stata una scossa nel nord del paese di 6.3 gradi Richter) e per quello che sarà perchè gli haitiani non hanno più uno stato dove stare, non hanno nulla e si stanno dirigendo verso la RD.

Ad Jimanì, una piccola cittadina di circa 10.000 abitanti sulla frontiera, l’ospedale è al collasso arrivano centinaia di feriti e solo si riescono a realizzare una ventina di interventi chirurgici al giorno, e facendo i salti mortali. Con i feriti arrivano anche i famigliari che non vogliono separarsi dai propri cari e non hanno un posto dove dormire ne’ nessuno che distribuisca loro cibo e acqua. Chi tenta di portare aiuti in Haiti, se non è scortato dall’esercito rischia di essere assaltato da bande di disperati che saccheggiano i mezzi privati.

Molte donne e uomini haitiani che vivono ad Haina (RD) hanno raccolto più cibo e beni possibili e si stanno dirigendo a cercare i propri famigliari. Alla frontiera si registra un doppio flusso, chi scappa dalla distruzione e chi entra ad Haiti a proprio rischio.

Anche la situazione alla frontiera nord, a Dajabon, il punto più lontano dall’epicentro non è affatto tranquilla, l’esercito ha infatti iniziato a presidiare tutte le pompe di benzina poichè ad Haiti è praticamente introvabile. Anche il vicino ospedale inizia ad accogliere i feriti.

Davanti a questa situazione l’impotenza è molta. Abbiamo però scelto di non inviare i contributi che stiamo raccogliendo alle grosse istituzioni che stanno lavorando a Port-au-Prince. Lì, per fortuna, gli stati si sono mossi. Abbiamo scelto tra i nostri partner e compagni di viaggio storici, per il momento, due realtà che operano cercando di arrivare dove mancano gli aiuti ufficiali:

Centro Bonò e Hogar Virgen de Lourdes.

Nei prossimi giorni pubblicheremo due schede per spiegare chi sono queste realtà. Intanto possiamo dirvi che il Centro Bonò sta coordinando oltre 200 realtà popolari dominicane (gruppi di contadini, giunte di vicinato, piccoli gruppi di lavoratori, …) nel cercare di far pervenire ad Haiti, soprattutto nelle piccole cittadine che si trovano fuori da Port-au-Prince, gli aiuti che i dominicani stanno donando. In questo momento hanno bisogno di affittare camion e trasportare i beni. Proprio pochi minuti fa ci hanno confermato che sta per partire un convoglio (è possibile monitorare on-line le spese sostenute e le donazioni ricevute). L’Hogar Virgen de Lourdes, invece, è una piccola casa dove vengono ospitati dei giovani che per problemi economici dovrebbero lasciare gli studi. Nonostante siano già sopra la loro disponibilità massima d’accoglienza (al momento vi risiedono 25 ragazzi/e), nei prossimi giorni accoglieranno 8 orfani haitiani. Avranno bisogno di un letto, di cibo, di cure e di qualcuno in grado di parlare con loro in creolo.

Grazie di cuore a tutti coloro che stanno sostenendo queste popolazioni. In particolare abbiamo ricevuto il sostegno dell’associazione ABCZambia, dell’associazione 26 aprile, dell’associazione Last, della Bottega Eticomondo, della Radio RCS, di Arci Milano, del sito Il resto del Michelino,  dell’associazione Kem Kogi – Cuore Unico, della cooperativa CDA e della ONLUS Progetto Sorriso Creche. Nei prossimi giorni, anche grazie all’aiuto di altre associazioni, contiamo di organizzare degli eventi di informazione e raccolta fondi.

Tutti gli sviluppi, sia in termini di notizie che di realtà sostenute, verranno prontamente pubblicati sul nostro sito.

Ricordiamo che è possibile effettuare una donazione attraverso un bonifico al conto IT 72 I 08214 32881 000000045411 specificando “Emergenza Terremoto”.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: