Home > Racconto > Resoconto da Haiti del direttore del Centro Bonò

Resoconto da Haiti del direttore del Centro Bonò


Il Centro Bonò è una delle realtà che ColorEsperanza ha scelto di sostenere dopo il terremoto di Haiti. Il suo direttore, Moreno, si trova da qualche giorno a Port-au-Prince e ci ha inviato una lettera sull’andamento delle attività. Ribadiamo la nostra scelta di aiutare solo associazioni dominicane o haitiane che lavorino insieme alla popolazione colpita. Chi volesse contribuire lo può fare tramite Paypal o bonifico bancario specificando la causale “Emergenza Terremoto”.

Traduciamo alcuni passaggi della lettera del 20 gennaio:

Dopo la nuova scossa di terremoto “Un amico giornalista haitiano mi ha detto che la gente a Jacmel si è fatta prendere dal panico e molte case che erano state danneggiate han finito per cadere, anche se al momento non sembra esser stata registrata nessuna vittima.

Oggi abbiamo girato la città per provare a recuperare informazioni per sapere se la gente sta ricevendo aiuti e in che modo noi possiamo aiutarla con quello che abbiamo. La prima impressione è che la gente è in strada a vendere quello che ha, e a provare a generare qualche entrata per andare avanti. In questo senso, le strade sono piene di punti di vendita ambulanti e la gente vende frutta, cibo e bibite. In particolare c’è molta gente vendendo acqua.
(…)
Tra le persone della capitale stanno succedendo due cose: da una parte molta gente si sta raggruppando in accampamenti improvvisati che si sono stabiliti in piazze, parchi, campi da calcio e altri spazi aperti e che cercano di organizzarsi per trovare aiuti; dall’altra molta gente ha deciso di tornare alle sue città di provincia, provare a cercare fuori da una capitale distrutta un luogo dove ritornare. Per questo il governo ha organizzato degli autobus gratuiti per coloro vogliano cercare di raggrupparsi con i famigliari all’interno, in altre province o nelle zone rurali.

Nonostante le notizie della cooperazione internazionale, gli aerei lanciando aiuti umanitari e lo sbarco di migliaia di marines, ancora nelle strade si parla di necessità e si trovano molte lenzuola utilizzate come improvvisati cartelli chiedendo aiuto. Quando ci siamo avvicinati ad alcuni di questi accampamenti ci hanno detto che hanno ricevuto pochissimo e che la necessità è ancora grande. Anche, adesso che abbiamo una nostra equipe medica, stiamo chiedendo se hanno bisogno di qualche tipo di servizio per poter provare a somministrarla.
(…)
Nonostante la fatica e che ogni momento il volume di lavoro aumenta, credo che con il passare dei giorni abbiamo raggiunto un coordinamento migliore e facciamo un lavoro più efficace. Speriamo che questa notte gli aerei ci permettano dormire perchè domani sarà un giorno di tanto lavoro.”

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. 24 gennaio 2010 alle 00:14

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: